AFGHANISTAN, transizione in corso (1° PARTE)

Viaggio nel Paese che cerca la stabilità, anche grazie al contributo italiano.  «In undici anni, con l’aiuto della missione Isaf questo Paese ha ottenuto molto: una struttura
istituzionale, un esercito, forze di polizia, forme di assistenza per i bisognosi… Entro la fine del 2014 la missione volgerà al termine, ma non gli aiuti»

Afghanistan  Carcere di Herat

Il vertice NATO che si è svolto a Chicago lo scorso maggio è stato chiaro: la missione International Security Assistance Force in Afghanistan terminerà completamente nel 2014.

Fra due anni dunque il passaggio di consegne dalle forze internazionali a quelle afghane dovrà essere completato: la missione Isaf, che vede impegnata in prima linea anche l’Italia, va avanti ormai da undici anni ed è entrata nella fase di transizione che si concluderà alla fine del 2014 con il ritiro di gran parte dei soldati. In Afghanistan però ritiro non vorrà dire abbandono, ma aiuto sotto altre forme: consulenza, rilancio dell’economia, supporto alla formazione del personale locale.

Dalla fine del regime dei talebani questo paese ha compiuto molti passi importanti, con la collaborazione della comunità internazionale, nel processo di costruzione dello stato. Oggi dispone di una struttura istituzionale, un esercito e proprie forze di polizia, oltre che di forme di assistenza, a livello provinciale, per i bisognosi, come gli orfani e i parenti delle vittime della guerra.

Tanti però sono i problemi che ancora lo affliggono: la corruzione, l’opposizione armata dei cosiddetti insurgents, una galassia di soggetti che comprende dai trafficanti di oppio ai combattenti talebani, la mancanza di collegamenti e infrastrutture, come strade, ponti, centrali elettriche.herat13

Il contingente italiano ha il controllo del Comando regionale Est, al confine con l’Iran, che comprende quattro province: Herat, Badghis, Farah e Ghor. Dal 14 settembre 2012, quello di stanza a Herat è al commando del Generale di Brigata Dario Ranieri, comandante in patria della Brigata alpina “Taurinense”.  I militari italiani sono impegnati nel controllo del territorio, nel sostegno alla popolazione, e nella lotta agli ordigni esplosivi improvvisati.

In ogni provincia è attivo un ProvincialRecontruction Team (Prt), una struttura militare che lavora al fianco dei civili afghani per realizzare progetti di cooperazione. Quello di Herat è a guida italiana, e vanta fra le opere realizzate il carcere femminile della città. La struttura, realizzata nel 2009 con i fondi del Ministero della Difesa e dell’Unione Europea, ospita oggi 137 donne di ogni età ed è un modello di accoglienza a riabilitazione.

“Oggi stiamo lavorando per ristrutturare la sala biblioteca – racconta il Colonnello Aldo Costigliolo, comandante del Prt di Herat, mentre mostra una stanza piana di calcinacci e impalcature, dove sulle pareti si vedono ancora i disegni e i collage realizzati dalle detenute – è una soddisfazione pensare che questo sia davvero un luogo che riabilita, che accoglie, a volte quasi più di una famiglia”. Al piano terra gli spazi sono condivisi e ogni stanza è un laboratorio di sartoria, tessitura, informatica, lingua inglese; al primo piano ci sono le stanze, ordinatissime e pulite, da quattro o sei posti letto.

herat afghanistanLe mamme possono tenere con sé i propri figli fino agli otto anni, e anche per loro c’è un’aula stanza dedicata, con un’educatrice. La maggior parte delle donne che sconta una pena detentiva ha commesso reati minori, e molte hanno paura di tornare in “libertà”. La parte maschile della prigione di Herat si trova in condizioni molto più difficili, perché a fronte di una capienza di 600 posti, ci sono oltre 2mila persone, con stanze da dieci letti in cui ne vengono stipati fino a cinquanta. Anche per questo il direttore del carcere ha chiesto aiuto all’Italia. Con i fondi messi a disposizione dal nostro paese nel 2012 sono stati realizzati principalmente progetti per l’educazione e la sanità, ma anche strade, ad Herat e nel suo distretto “allargato” di Injil.

Nonostante i progressi fatti, l’Afghanistan è ancora oggi un paese che presenta sacche di povertà al limite della sopravvivenza: agricoltura praticata con mezzi rudimentali e pastorizia sono spesso le uniche risorse nelle aree più impervie, dove la mancanza di corrente elettrica e collegamenti stradali provoca un isolamento di fatto per molte piccole comunità, che restano lontane anche solo dal concetto di stato e di istituzioni nazionali. Dalle cosiddette basi avanzate, ogni giorno partono delle pattuglie che si dirigono verso queste aree per stabilire un contatto con la popolazione. Ed è in una di queste missioni che ha perso la vita il caporale degli Alpini Tiziano Chierotti, lo scorso 25 ottobre. Se il rapporto con la popolazione si è stretto, nel corso degli anni, anche grazie alle operazioni condotte con personale afghano, la sicurezza non può ancora essere data per scontata, e resta la sfida quotidiana più grande. Come scrive sul “diario di Herat” pubblicato on line su La Stampa il Maggiore Mario Renna, a capo dell’Ufficio Pubblica Informazione del Comando Brigata Alpina Taurinense, quello degli ordigni “sembra un gioco ma non lo è, è una partita serissima per disinnescare esplosivi spesso fatti in casa con legno, fil di ferro, pezzi di metallo, di cui si parla quando ne esplode una, e non quando ne vengono disinnescate 27 in un mese”.

Ilaria Romano e Romina Vinci

(testo e foto)

Pubblicato sul numero di Dicembre 2012 del mensile 50&Più.

Disponibile in pdf: Afghanistan, transizione in corso

4 thoughts on “AFGHANISTAN, transizione in corso (1° PARTE)

  1. Pingback: AFGHANISTAN, un centro agricolo d’avanguardia a mezz’ora da Herat (5° PARTE) | ROMINAVINCI, IL BLOG

  2. Pingback: AFGHANISTAN, il peso del passato afgano nei ricordi dell’architetto Andrea Bruno (4° PARTE) | ROMINAVINCI, IL BLOG

  3. Pingback: AFGHANISTAN, la conquista di un futuro in una società tradizionale (3° PARTE) | ROMINAVINCI, IL BLOG

  4. Pingback: AFGHANISTAN – Alla scoperta dei villaggi, il radicalismo delle tribù | ROMINAVINCI, IL BLOG

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...